maurizio zocco

/maurizio

About maurizio

This author has not yet filled in any details.
So far maurizio has created 17 blog entries.
21 03, 2016

AVETE MAI VISTO UN VIDEO A 360?

2016-04-29T17:42:28+00:00

Sembra un video normale ma non lo è. In alto a sinistra potete pilotare la visualizzazione, e vedere a destra, sinistra, sotto, in alto. Una nuova realtà davanti a voi. È una realtà virtuale. Ci stiamo pensando per la realizzazione del prossimo filmato pubblicitario che realizzeremo.

AVETE MAI VISTO UN VIDEO A 360?2016-04-29T17:42:28+00:00
19 02, 2016

Facebook sempre più…

2018-01-11T18:13:23+00:00

Facebook è pronta a diventare la più grande edicola del mondo, con oltre un miliardo e mezzo di lettori potenziali. La compagnia ha infatti annunciato che aprirà a tutti gli editori il suo servizio Instant Articles, che consente di leggere gli articoli direttamente all’interno del social e che attualmente ha una disponibilità limitata. La data è fissata al 12 aprile, in coincidenza con la conferenza annuale di Facebook per gli sviluppatori. Da quel giorno in poi ogni editore, indipendentemente dalle dimensioni e dalla nazionalità, potrà scegliere di pubblicare le sue news nel social.

Lanciato nel maggio scorso, e finora esteso a qualche centinaio di editori nel mondo, Instant Articles punta sulla velocità per non perdere lettori: le news pubblicate dentro al social si aprono 10 volte più velocemente, e in questo modo non si rischia che l’utente, spazientito da un tempo lungo di caricamento della pagina sullo smartphone, rinunci alla lettura.

Le news, inoltre, sono multimediali e interattive. Insieme ai testi, gli articoli possono essere corredati da video, gallerie di foto, immagini che si scorrono muovendo lo smartphone, didascalie audio e mappe per vedere il luogo degli avvenimenti.

Ovviamente all’interno delle news c’è anche la pubblicità: se gli editori vendono spazi pubblicitari si tengono il 100% delle entrate, mentre se affidano la vendita a Facebook hanno diritto al 70%. Per la compagnia di Mark Zuckerberg non manca comunque il ritorno: ospitare un’ampia varietà di contenuti si traduce in più tempo trascorso dagli utenti sul social, che così diventa ancora più attraente per gli inserzionisti.

Facebook sempre più…2018-01-11T18:13:23+00:00
19 02, 2016

Nuove professionalità

2018-01-11T18:13:23+00:00

Nell’ambito del marketing e della comunicazione turistica si stanno affacciando nuove professioni proprio in ambito digitale, che ovviamente affiancano, completano e perfezionano quelle che sono da sempre state le professioni del turismo tradizionale, quindi a mano a mano le professioni digitali avranno un ruolo sempre più importante in fatto di supporto alle aziende turistiche nell’ambito del processo di adattamento al mondo della rete, al web e a tutto ciò che è online. Molte quindi le professioni del turismo digitale che si stanno sviluppando: scopriamo insieme quelle che stanno prendendo sempre più piede negli ultimi tempi, i cosiddetti “profili ibridi” cioè figure che nascono dall’incrocio di varie competenze e professionalità dando vita ad una nuova figura a tutto tondo.

Cominciamo con la professione più conosciuta in assoluto nell’ambito del turismo digitalizzato, il Community Manager, una figura che è chiamata a costruire, istituire e gestire le relazioni online, attraverso il web e i social media, come Facebook, Twitter, Instagram e si relaziona direttamente con il pubblico dei clienti. La seconda figura, molto ricercata è il Web Content Specialist, cioè quella figura professionale esperta che ha il compito di produrre, coordinare e distribuire i contenuti del marketing in funzione delle diverse piattaforme (il sito, i social media o il blog) e dei diversi target di riferimento. Queste prime due figure professionali sono quelle che hanno da subito cominciato a prendere piede nell’ambito del turismo digitale, ma vediamo invece quelle che stanno cominciando ad affermarsi negli ultimi tempi ma già molto conosciute, ad esempio il Digital Strategic Planner, cioè colui che collabora con il management dell’azienda per definire tutte le varie strategie di presenza sul web e le relative attività per essere appunto correttamente visibile.

Un’altra figura molto richiesta è quella dell’E-reputation Manager, cioè una persona alla quale viene affidato il compito di individuare i trend che emergono dal web e di monitorare tutte le opinioni e considerazioni degli utenti. Molto recente è la figura del Online Advertiser, cioè un professionista che è specializzato nel definire e realizzare delle campagne di marketing e pubblicità online selezionando e investendo sui media non tradizionali. Tutte queste figure professionali “digitalizzate” sono e saranno sempre di più vantaggiose ed importanti per le strutture turistiche, proprio perchè in questo mondo altamente digitalizzato non possono che avere delle posizioni primarie.

Nuove professionalità2018-01-11T18:13:23+00:00
19 02, 2016

Gira #inLombardia

2018-01-11T18:13:23+00:00

Arriva il contest ‘Gira #inLombardia’, un progetto messo a punto per raccogliere contenuti video destinati alla promozione del territorio regionale. L’operazione, promossa da Explora Tourism, la Destination Marketing Organization di Regione Lombardia, Camera di Commercio di Milano e Unioncamere Lombardia, è stata lanciata lo scorso 23 dicembre.

La ‘raccolta’ dei contenuti coinvolge la piattaforma Zooppa.

L’idea di base è quella di premiare quei contenuti capaci di identificare la Lombardia come destinazione da vivere a tutto tondo. Fino al 17 marzo i videomaker e i professionisti iscritti a Zooppa saranno chiamati a sviluppare un’idea creativa attraverso video da 30 a 60 secondi. Al termine di contest i cinque migliori video saranno premiati con compensi per un importo complessivo di 15 mila euro. Questi progetti potranno essere utilizzati per fini promozionali su canali online e offline.

Gira #inLombardia2018-01-11T18:13:23+00:00
13 01, 2016

Quanto spendono gli italiani in rete?

2018-01-11T18:13:23+00:00

In Italia la spesa media per gli acquisti sul web si aggira intorno ai 138 euro a persona. Ma mentre per le donne la media è di circa 100 euro, gli uomini spendono circa 175 euro. Una differenza del 74%, molto più alta di quella media europea, che si attesta intorno al 58%. E’ quanto emerso da una ricerca condotta su 500 persone da Paysafecard, società specializzata in soluzioni di pagamento prepagate su Internet.

Dalla ricerca è emerso che mentre per il 62% delle donne la convenienza risulta essere un fattore decisivo al momento dell’acquisto, per gli uomini lo è solo per il 48%. Le donne, inoltre, sono più attente anche per ciò che riguarda l’anonimato e il controllo dei costi.

Gli ‘high spender’ per gli acquisti online risultano in generale i giovani fra i 16 e 29 anni, con una media di 172 euro a persona contro i 115 euro spesi dagli intervistati tra i 60 e i 69 anni.

Quanto spendono gli italiani in rete?2018-01-11T18:13:23+00:00
10 12, 2015

L’affissione del futuro e Plus c’è

2018-01-11T18:13:23+00:00

Non è un filmato, ma uno stampato particolare che simula il movimento. Questa è la nuova frontiera dell’affissione e non solo. È possibile realizzare gadgets di ogni tipo, basta un pò di creatività, preparare i files e poi…

L’affissione del futuro e Plus c’è2018-01-11T18:13:23+00:00
2 12, 2015

Google è ancora il player dominante

2018-01-11T18:13:23+00:00

La spesa in Digital advertising raggiungerà i 170.85 miliardi di dollari nel 2015. Quest’anno le search ads genereranno 81.59 miliardi di dollari su scala globale, in crescita del 16.2% sul 2014. Dal 2019, la spesa in search advertising toccherà i 130.58 miliardi di dollari nel mondo, in crescita di circa il 10% anno su anno. Sono i dati che emergono dalle previsioni di eMarketer per il mercato dell’advertising digitale nell’anno in corso. Google manterrà lo scettro, mentre Microsoft Bing è in forte crescita.

Google è ancora il player dominante nella ricerca online e eMarketer stima quest’anno un incremento del 15.7% nel fatturato derivante da pubblicità legata al search, a quota 44.46 miliardi di dollari. Google detiene il 54.5% di market share nel 2015.

Scopri di più su http://www.itespresso.it/il-mercato-della-pubblicita-digitale-nel-2015-106474.html

Google è ancora il player dominante2018-01-11T18:13:23+00:00