maurizio zocco

Home/maurizio

Circa maurizio

Questo autore non ha riempito alcun dettaglio.
Finora maurizio ha creato 21 post nel blog.
20 05, 2019

Whatsapp Business come innovativo servizio di customer care

2019-05-06T14:29:15+00:00

WhatsApp Business è una piattaforma social che offre un servizio di customer care efficiente e tempestivo.
In Italia è scaricabile già dal 18 gennaio 2018 per gli utenti Android, e solo dal giorno 8 aprile 2019 anche per iOS.
È riconoscibilissima dall’icona, che è simile a quella di WhatsApp “tradizionale” ma al posto del telefono al centro del baloon verde ritroviamo la “B” di Business. Fin da subito ha riscontrato notevoli successi, soprattutto nell’ambito delle piccole imprese. Ad esempio, Genialloyd, società appartenente al Gruppo Allianz, è la prima compagnia di assicurazioni in Italia ad usufruire di WhatsApp Business. Tramite foto e allegati inviati, messaggi di benvenuto per presentare l’attività ai nuovi clienti e messaggi promozionali risulta essere un servizio diretto e confidenziale. Difatti, è un mezzo ben noto per l’utente, molto spesso preferito alle lunghe messe in attesa al telefono.
Inoltre, è anche più comodo e funzionale avere la possibilità per i dipendenti dell’azienda di suddividere i messaggi personali da quelli del lavoro. L’usabilità dell’app è garantita anche grazie alla possibilità di collegarsi direttamente dal computer, tramite la modalità WhatsApp Web.

Whatsapp Business come innovativo servizio di customer care2019-05-06T14:29:15+00:00
13 05, 2019

Le OTA: un vero e proprio “motore di ricerca” di alberghi

2019-05-14T07:30:25+00:00

OTA è l’acronimo di Online Travel Agencies, sia il cliente e che l’esercente di una struttura alberghiera non possono più fare a meno di queste “agenzie virtuali”. La web usability è un elemento essenziale di queste piattaforme online, difatti navigando nelle OTA è molto semplice equiparare informazioni quali:costi, foto e recensioni. Esse sono dotate di API che consentono di sovrapporre determinati dati a una mappa personalizzata di Google, fondamentale per sapere dove è esattamente collocato un hotel, B&B, casa vacanze…
È sicuramente il modo più semplice e veloce per trovare una soluzione ottimale, soprattutto per il cliente.
A tal proposito, la Cornell University di New York ha studiato il cosiddetto “Effetto Manifesto” (billboard effect). Difatti le OTA portano visibilità e aumentano la “brand awareness”, al punto che, si è dimostrato un aumento delle prenotazioni dirette. Per queste ragioni è fondamentale essere presenti su più canali, come Expedia e Airbnb o specialmente Booking che si trova al primo posto in questo settore. Quando ci si iscrive in queste piattaforme, però, bisognerebbe fare attenzione al brandjacking e quindi a tutelare l’identità della azienda.
http://www.bookingblog.com/billboard-effect-perche-e-importante-per-hotel-la-presenza-sulle-ota/

Le OTA: un vero e proprio “motore di ricerca” di alberghi2019-05-14T07:30:25+00:00
6 05, 2019

Samsung e il suo Sero: la tv si fa social

2019-05-06T16:24:31+00:00

La Samsung ha progettato di recente Sero, un televisore capace di ruotare di 90 gradi passando da un orientamento orizzontale a uno verticale. Lo schermo verticale è senza dubbio più adatto alla fruizione dei contenuti social: dalla bacheca Facebook a snapchat, ma soprattutto per le storie di Instagram.
Da una prima analisi, sembrerebbe che il dispositivo sia destinato ad un target giovanile, fruitore appassionato dei social media. Per il costo però, che si aggira intorno ai 14.600 euro, pare ricondurre a un prodotto di nicchia. Lo schermo, probabilmente proprio perché in grado di roteare, non è molto grande (43 pollici) ma ha una risoluzione di 4K Ultra HD.

Samsung e il suo Sero: la tv si fa social2019-05-06T16:24:31+00:00
20 04, 2019

In Europa, dal 14 settembre obbligatoria l’autenticazione a “due fattori”

2019-05-06T14:40:55+00:00

Questa novità, introdotta sui siti e-commerce, è volta a garantire una maggiore tutela per il consumatore. Si fa riferimento alla SCA (Strong Customer Authentication), con la quale vengono richiesti due fattori da parte del cliente oltre che la password: una caratteristica fisica propria del fruitore (una cosa che sei) e un particolare oggetto posseduto da quest’ultimo (una cosa che hai); il cosiddetto PSD2 allunga il processo dell’acquisto online ma diviene, a detta di molti professionisti, più sicuro. Se entro la data prestabilita i siti e-commerce non adempieranno alla “Multi factor authentication”, i pagamenti verranno immediatamente rifiutati dalla banca del fruitore.

In Europa, dal 14 settembre obbligatoria l’autenticazione a “due fattori”2019-05-06T14:40:55+00:00
21 03, 2017

AVETE MAI VISTO UN VIDEO A 360?

2019-05-03T16:23:35+00:00

Sembra un video normale ma non lo è. In alto a sinistra potete pilotare la visualizzazione, e vedere a destra, sinistra, sotto, in alto. Una nuova realtà davanti a voi. È una realtà virtuale. Ci stiamo pensando per la realizzazione del prossimo filmato pubblicitario che realizzeremo.

AVETE MAI VISTO UN VIDEO A 360?2019-05-03T16:23:35+00:00
19 02, 2016

Facebook sempre più…

2019-04-29T08:47:13+00:00

Facebook è pronta a diventare la più grande edicola del mondo, con oltre un miliardo e mezzo di lettori potenziali. La compagnia ha infatti annunciato che aprirà a tutti gli editori il suo servizio Instant Articles, che consente di leggere gli articoli direttamente all’interno del social e che attualmente ha una disponibilità limitata. La data è fissata al 12 aprile, in coincidenza con la conferenza annuale di Facebook per gli sviluppatori. Da quel giorno in poi ogni editore, indipendentemente dalle dimensioni e dalla nazionalità, potrà scegliere di pubblicare le sue news nel social.

Lanciato nel maggio scorso, e finora esteso a qualche centinaio di editori nel mondo, Instant Articles punta sulla velocità per non perdere lettori: le news pubblicate dentro al social si aprono 10 volte più velocemente, e in questo modo non si rischia che l’utente, spazientito da un tempo lungo di caricamento della pagina sullo smartphone, rinunci alla lettura.

Le news, inoltre, sono multimediali e interattive. Insieme ai testi, gli articoli possono essere corredati da video, gallerie di foto, immagini che si scorrono muovendo lo smartphone, didascalie audio e mappe per vedere il luogo degli avvenimenti.

Ovviamente all’interno delle news c’è anche la pubblicità: se gli editori vendono spazi pubblicitari si tengono il 100% delle entrate, mentre se affidano la vendita a Facebook hanno diritto al 70%. Per la compagnia di Mark Zuckerberg non manca comunque il ritorno: ospitare un’ampia varietà di contenuti si traduce in più tempo trascorso dagli utenti sul social, che così diventa ancora più attraente per gli inserzionisti.

Facebook sempre più…2019-04-29T08:47:13+00:00
19 02, 2016

Nuove professionalità

2019-04-29T08:47:53+00:00

Nell’ambito del marketing e della comunicazione turistica si stanno affacciando nuove professioni proprio in ambito digitale, che ovviamente affiancano, completano e perfezionano quelle che sono da sempre state le professioni del turismo tradizionale, quindi a mano a mano le professioni digitali avranno un ruolo sempre più importante in fatto di supporto alle aziende turistiche nell’ambito del processo di adattamento al mondo della rete, al web e a tutto ciò che è online. Molte quindi le professioni del turismo digitale che si stanno sviluppando: scopriamo insieme quelle che stanno prendendo sempre più piede negli ultimi tempi, i cosiddetti “profili ibridi” cioè figure che nascono dall’incrocio di varie competenze e professionalità dando vita ad una nuova figura a tutto tondo.

Cominciamo con la professione più conosciuta in assoluto nell’ambito del turismo digitalizzato, il Community Manager, una figura che è chiamata a costruire, istituire e gestire le relazioni online, attraverso il web e i social media, come Facebook, Twitter, Instagram e si relaziona direttamente con il pubblico dei clienti. La seconda figura, molto ricercata è il Web Content Specialist, cioè quella figura professionale esperta che ha il compito di produrre, coordinare e distribuire i contenuti del marketing in funzione delle diverse piattaforme (il sito, i social media o il blog) e dei diversi target di riferimento. Queste prime due figure professionali sono quelle che hanno da subito cominciato a prendere piede nell’ambito del turismo digitale, ma vediamo invece quelle che stanno cominciando ad affermarsi negli ultimi tempi ma già molto conosciute, ad esempio il Digital Strategic Planner, cioè colui che collabora con il management dell’azienda per definire tutte le varie strategie di presenza sul web e le relative attività per essere appunto correttamente visibile.

Un’altra figura molto richiesta è quella dell’E-reputation Manager, cioè una persona alla quale viene affidato il compito di individuare i trend che emergono dal web e di monitorare tutte le opinioni e considerazioni degli utenti. Molto recente è la figura del Online Advertiser, cioè un professionista che è specializzato nel definire e realizzare delle campagne di marketing e pubblicità online selezionando e investendo sui media non tradizionali. Tutte queste figure professionali “digitalizzate” sono e saranno sempre di più vantaggiose ed importanti per le strutture turistiche, proprio perchè in questo mondo altamente digitalizzato non possono che avere delle posizioni primarie.

Nuove professionalità2019-04-29T08:47:53+00:00